PRESENTAZIONE
- Scheda del Paese
- Storia della Bulgaria
- Geografia, economia e politica
NOTIZIE ED EVENTI che si trovano sul web
CONSIGLI ANDANDO IN BG
- come muoversi
- dove dormire
- luoghi da visitare
- ristoranti in Sofia
- clubs, bars, restaurants
- costo della vita in BG
- pensionati italiani in Bulgaria
- mappa del Paese e trova vie
- Inno Nazionale della Bulgaria
ASSISTENZA SANITARIA
- Assistenza sanitaria e turismo sanitario in Bulgaria
TRASFERIRSI IN BULGARIA, cosa bisogna fare
LA POSTA in Bulgaria
LE BANCHE in Bulgaria
IL SITO del Governo Bulgaro
TEMPERATURA in Bulgaria
SEE BULGARIA
VACANZE in Bulgaria
FOTO ALBUM Bulgaria
DIARIO VIAGGI
- quel treno per Bansko
LE CITTA' DELLA BULGARIA
SOFIA: la Capitale
- GUIDA INFORMATIVA DI SOFIA
- il sito della città di Sofia
- piccola mappa di Sofia
- Teatri, Musei Gallerie d'Arte
- la metropolitana di Sofia
- mappa della metropolitana di Sofia dal 2-4-2015
- i trasporti urbani
- i trasporti extraurbani
- i taxi (consigliati) a Sofia
- la ferrovia (orari treni)
- Aeroporto di Sofia (con A-R del giorno)
- Sofia Airport Center
- foto album di Sofia
ALTRE CITTA' DELLA BULGARIA
I MONASTERI DELLA BULGARIA
- Monastero di Rila
- Monastero di Troyan
- all Bulgarian Monastery
LE MERAVIGLIE DELLA BULGARIA
- Sense of Bulgaria
- Parco Naturale di Belitsa
- Parco Nazionale di Krushuna
- Parco Nazionale del Pirin
- Sito Archeologico di Perperikon
FESTIVITA' E TRADIZIONI POPOLARI
- festività in Bulgaria
- costumi bulgari
- traditional costume, dance & music
- Balkan folk
LA CUCINA BULGARA
- alcune ricette bulgare
- bulgarian food
LA CULTURA BULGARA (cenni)
- i Poeti
- gli Scrittori
- Archeologia, Architettura
- la Pittura
- il Teatro ed il Cinema
- la Musica bulgara
- l'Opera Lirica
- Icone bulgare
CORSO BASE DI LINGUA BULGARA
- files audio
- piccolo dizionario-frasario
ANNUNCI
GUESTBOOK
FORUM
 

I MONASTERI DELLA BULGARIA

 
Ruolo storico e artistico dei monasteri bulgari

 

Nella Valle delle Rose, la Bulgaria produce il 70% dell’olio di rose utilizzato nell’industria profumiera mondiale, ma non è soltanto questo o il favoloso paesaggio (simile all'Austria tant'è ricco di monti, boschi, torrenti e prati curatissimi) che attira i turisti. C’è il desiderio di visitare uno dei più antichi Paesi d’Europa, la cui fondazione risale al 681 quando Bisanzio riconobbe la sua esistenza, di ammirare i monumenti della capitale Sofia (tra cui la cripta della cattedrale dedicata a Aleksandr Nevskij contenente un’infinità di icone dal IX al XIX secolo che testimoniano l’evoluzione della pittura bulgara) e le città-museo di Etara e Koprivctza, disabitate e restaurate come all’epoca del Rinascimento bulgaro, Arbanasi e Melnik. La Bulgaria ha numerosi monumenti di epoca romana e bizantina (per esempio, nella città di Varna è conservata una necropoli del III secolo a.C.), ma i più famosi e visitati sono i monasteri costruiti tra il X e il XIII secolo, alcuni su rovine risalenti addirittura al III-IV secolo.

 
Fin dai primi tempi del Cristianesimo esistevano comunità monastiche a Plovdiv (l’antica Filippopoli, adagiata su sei collinette che si ergono isolate nella pianura tracia, sulle due rive del fiume Maritza, che ancora oggi conserva monumenti romani e bizantini) e Sofia (il cui nome deriva dalla basilica di santa Sofia eretta nel V secolo; la città – anticamente chiamata Serdica – conserva ancora interamente la rotonda di san Giorgio del IV secolo) dove si tenne nel 343 uno dei primi concili ecumenici. Tre secoli dopo, nel 681, gli slavi e i proto-bulgari (discendenti degli unni), quando si insediarono nei Balcani e fondarono lo Stato bulgaro, avevano quindi una cultura fondamentalmente cristiana, come testimoniano la chiesa di santa Sofia a Serdica-Sofia, il vecchio Vescovato a Nesebar o la chiesa rossa di Peroustisa. La posizione geografica, i contatti con l’impero bizantino e la politica dello zar Boris I (852-889) fecero sì che la Bulgaria diventasse il primo Paese slavo ad adottare ufficialmente, nell’865, la religione ortodossa, subito dopo il periodo iconoclasta. Assieme ai missionari di Costantinopoli, vi giunsero i pittori di icone per decorare le nuove chiese e, nell’885, arrivarono i discepoli dei santi Cirillo e Metodio, i fratelli di Tessalonica (Salonicco) creatori dell’alfabeto slavo, che incominciarono a tradurre i testi liturgici nella nuova lingua, l’unica parlata dal popolo.
Durante il primo impero bulgaro la cultura artistica ortodossa si arricchì di nuovi lavori letterari, scritti per soddisfare la necessità di diffondere e consolidare la nuova religione, e di icone su ceramica vetrosa: numerosi laboratori e forni per piastrelle sono stati trovati nell’area di Preslav. L’icona di ceramica di san Teodoro Stratilata conservata nel monastero di Patlejna, vicino a Preslav risale al IX-X secolo ed è l’opera più famosa e interessante per dimensioni e valore artistico, essendo composta da più di venti piastrelle di ceramica vetrosa dipinte secondo la migliore tradizione della pittura dell’est della Cappadocia dove tuttavia questa tecnica era sconosciuta.
Sotto lo zar Simeone (893-927), secondogenito di Boris, la Bulgaria controllava i territori serbi fino a Belgrado, la Macedonia occidentale e l’Albania e minacciava Costantinopoli e l’impero bizantino. Culturalmente, iniziò in quel periodo la cosiddetta età d’oro, soprattutto in campo letterario, grazie a grandi scrittori come Giovanni l’Esarca e Cosma Presbitero (IX e X secolo). Nei monasteri di Preslav, città appena fondata e potente centro culturale dell’ortodossia slava, trovarono rifugio molti letterati, come Konstantin di Preslav, Chernorizets Hrabs e Exarch Yosif. A Tirnovo, nel XII secolo, sorse la scuola fondata dal patriarca Eutimio che operò la grande riforma linguistica da cui nacque ufficialmente la lingua letteraria. La città di Ohrid si affermò come un altro importante nucleo letterario e artistico fino al 1877 quando il suo arcivescovato fu distrutto.
Gli scavi effettuati nelle vecchie capitali bulgare di Pliska e Preslav hanno provato che i monasteri svolgevano anche attività culturali, educative ed economiche ed erano chiamati in causa nei conflitti, al fine di stabilire una coerente struttura etnica congiungendo la popolazione proto-bulgara con quella slava attraverso l’unificazione di riti e tradizioni comuni, creando e sviluppando in tal modo una cultura completamente bulgara.Nel 927 fu dichiarata l’indipendenza della Chiesa ortodossa bulgara e, pochi anni dopo, fu fondato a Rila del primo eremita bulgaro Ivan Rilski (Giovanni di Rila, 876-946) il più grande monastero bulgaro, che fu dedicato alla Vergine Protettrice (Ossenovitza). Come poi successe in Russia, i monasteri erano spesso dedicati alla Vergine perché la Madre di Dio era oggetto da secoli di un culto speciale da parte del popolo bulgaro: nel IV secolo una confraternita di donne offrivano in sacrificio a Maria – come fosse un’antica dea greca – torte di pane e focacce di farina d’orzo sopra un altare quadrato.
Nel secolo successivo, il pensiero di San Giovanni di Rila fu diffuso da Gioacchino di Osogovo, Prohor di Psina e Gabriele di Lesnovo, che assieme al santo eremita sono considerati i padri dell’ortodossia slava balcanica (per questo a volte sono raffigurati insieme). Nei luoghi dei loro eremi, tra le montagne, furono eretti altri monasteri.
All’inizio, i monasteri somigliavano a quelli bizantini, ma ben presto acquistarono una propria identità. Infatti, per i bulgari, l’architettura dell’Europa centrale e occidentale era troppo austera e scura e quella bizantina troppo concentrata sugli spazi interni. Così furono create silhouette dinamiche, facciate molto colorate e trattate con plasticità. A questo proposito è stato scritto che “a dispetto dell’ascetismo monastico, le costruzioni dei monasteri bulgari si orientarono con le loro meravigliose architetture, flessibili e multicolore, verso un’apoteosi di fusione organica e un’interazione di cultura pagana e risultati della cultura cristiana”. In seguito (X-XI secolo), questo stile pittorico fu adottato in Russia, in Serbia e in altri stati ortodossi.
A partire dal XIII secolo, grazie alle donazioni di governanti e nobili delle varie province in cui era stato nel frattempo suddiviso il Paese, furono eretti altri monasteri – all’interno dei quali erano realizzate chiese, torri di difesa, ali residenziali – che continuarono la tradizione culturale dei primi nuclei. Tra la fine del XII e la fine del XIV secolo, i monasteri vicino alla città reale di Veliko Tarnovo (capitale medioevale del Paese situata sui meandri del fiume Yantra e oggi considerata una delle città più affascinanti della Bulgaria), sostenuti dalla corte, dal patriarcato bulgaro, il clero e l’aristocrazia amministrativa, diventarono centri particolarmente significativi nelle lettere (riforma del linguaggio) e nelle arti con la creazione di scuole di pittura dove si dipingevano libri, affreschi e icone. Scuole di pittura furono costituite anche in molti altri monasteri (Rila,Kilifarevo, Tsarevets e Trapezitsa, Zemen e Backovo, Batosevo, Ivanovo, Cerven... ), ciascuno dei quali mantenne una propria autonomia espressiva.
Alla morte di Giovanni VI Alessandro (1331-1371), una rivolta tra fratelli divise il Paese in due principati, quello di Sofia e quello di Vidin, che furono presto sottomessi dai turchi: con la caduta di Sofia (1382), Tarnovo (1393) e Vidin (1396), e dopo il fallimento della crociata occidentale a Nikopol, la Bulgaria fu annessa all’impero ottomano (1396) e così rimase fino al marzo 1878.<
Sotto il dominio turco e dopo la caduta di Costantinopoli (1453), i centri culturali bulgari assunsero come riferimento la repubblica monastica del Monte Athos, ma mantennero le proprie tradizioni classiche.
Nel 1469 le reliquie di san Giovanni di Rila furono riportate nel santuario originale del monastero di Rila e la vicenda fu analizzata e amaramente commentata dagli scrittori Vladislav il Grammatico e Dimitri Cantacuzene, capostipiti di un modo letterario che oggi potremmo chiamare patriottico, perché i monasteri bulgari, pur nella loro condizione di schiavitù, riuscirono a produrre e diffondere opere letterarie vivaci e attività artistiche ed educative che contribuirono attivamente alla preservazione dell’etnia, all’elevazione spirituale e alla diffusione dell’idea di libertà nazionale.
In pittura, mirabili affreschi – che riportano iscrizioni in lingua bulgara - furono eseguiti, nella seconda metà del XV secolo, nella Bulgaria occidentale (Dragalevtsi, 1476; Bobosevo, 1488; Rila,1491; Kremikovski,1493).
Durante il giogo turco, numerosi monumenti furono distrutti: il monaco Metodi Draginov scrisse in una cronaca del XVII secolo che dopo le violenze nella località di Cepino Korito più di 230 chiese e monasteri andarono distrutti. In osservanza ai bandi proclamati dal governo ottomano le nuove chiese cristiane furono costruite di piccole dimensioni e scavate in terra in modo che non offendessero l’occhio dei fedeli turchi. Le antiche cattedrali medioevali, alte e spaziose, furono distrutte o trasformate in moschea. Nonostante l’esterno modesto, le chiese (come quelle dei monasteri di Bigor, Kourilo, Ilientsi, Stroupetski, Podgoumerski, Trun, Malomalovo) furono riccamente decorate all’interno con affreschi e icone. La mancanza di monumentalità architettonica fu compensata da ulteriori ornamenti e decorazioni plastiche e, nelle pitture, dall’aggiunta di personaggi, dalla tendenza a rappresentare molto dettagliatamente le scene, dalla riscoperta di temi “dimenticati” (come l’Inno Acatisto). Uno tra i più noti pittori fu il monaco Pimen Zograph del Monte Athos che durante il XVI secolo dipinse più di trenta chiese nel distretto di Sofia. Ancora oggi si possono ammirare molti monasteri costruiti in quel periodo: a Karloukovo (1602), Alino (1626), Belino, Trun, Malomalovo e Backovo (1643), Rozen (1662), Arbanasi... Anche nei secoli successivi continuò la costruzione o ricostruzione di monasteri: tra il XIII e il XIX secolo, nella sola regione di Sofia ne furono coinvolti un’ottantina.
A partire dalla seconda metà del XVIII secolo, al declino dell’impero ottomano – logorato da contraddizioni interne, problemi finanziari e un sistema militare degradato – corrispose la crescita della coscienza nazionale dei bulgari, che cominciarono a commerciare con l’Egitto, la Siria, la Romania, la Grecia, la Russia, la Francia meridionale, l’Austria e l’Italia. Nello stesso periodo, la pittura decorativa conobbe una rinascita senza precedenti, ma fu l’arte dell’intaglio del legno (già praticata nei monasteri) che si diffuse grandemente perché raggiunse risultati qualitativi eccezionali e iconostasi, pulpiti, troni vescovili, soffitti, arredi, cornici contribuivano a dare solennità e imponenza agli interni. Più che in passato le comunità monastiche di Rila, Etropole, Trojan e Dragalevtsiacquistarono un ruolo chiave nella vita pubblica della Bulgaria, affermandosi come animati centro socio-politici e artistici e campi di espressione spirituale e materiale della nazione bulgara, essendo i depositari di informazioni storiche, tradizioni artistiche e linguistiche. Non solo, molti monaci e allievi delle loro scuole parteciparono alla rivolta per la liberazione.
Nel 1870 fu ripristinato il Patriarcato nazionale (soppresso dai greci nel 1767) e otto anni dopo la Bulgaria si rese indipendente dai Turchi.
 
 
 
 
 
I Monasteri


 
Il monastero di Rila (a 119 km da Sofia; nelle foto) è situato a 1147 metri a ridosso del massiccio del Rila, nell’estremo nordovest della catena montuosa del Rodope (che ha cime che sfiorano i 3000 metri d’altezza), a pochi chilometri dalla strada che unisce la capitale bulgara alla città greca di Salonicco. Il luogo era stato scelto come eremitaggio, all'inizio del secolo X, da Ivan Rilski (Giovanni da Rila, 876-946), la cui fama di santità attrasse ben presto numerosi discepoli. Accanto alla sua caverna, l’eremita costruì il primo monastero del mondo slavo. Un incendio, probabilmente appiccato da bande di briganti, lo distrusse nel XIII secolo (Giovanni era già stato santificato), ma fu ricostruito a pochi chilometri dalla posizione originaria, dove rimase solamente la caverna dell'eremita, unico resto della primitiva fondazione. Il nuovo monastero fu concluso nel XIV secolo grazie alle donazioni di Stefan Hrelio, potente magnate della regione, ma un nuovo incendio lo distrusse quasi interamente: di quel tempo rimangono la torre fortificata detta di Hrelio (1334), le porte intagliate della chiesa, il trono vescovile, alcuni manoscritti, icone e arredi sacri. Nel XV secolo, il monastero fu nuovamente distrutto dai turchi ottomani che conquistarono la Bulgaria, ma continuò a essere meta di pellegrinaggi, soprattutto quando nel 1469 vi furono trasportati i resti dell’eremita Giovanni.
Nel XVIII secolo, Rila divenne uno dei maggiori centri del movimento conosciuto come Rinascimento bulgaro e il monaco Raffaello di Rila (1792-1802; autore di una croce decorata con più di cento scene bibliche) ne fu uno dei teorici più importanti. È da tener presente, infatti, che il lungo giogo turco aveva cancellato cultura e lingua nazionale: solo nel monastero di Rila e in quello di Trojan (risalente al XVII secolo e terzo monastero bulgaro per grandezza) si continuava a celebrare la liturgia in slavo, nelle loro biblioteche si conservavano gli antichi manoscritti, nelle loro scuole, aperte anche ai laici, si usava la lingua bulgara, elaborandone la grammatica e dandole dignità letteraria.Nel 1833 un altro grande incendio obbligò a ricostruire quasi interamente il monastero: a questa riedificazione risale quello attuale che, circondato da mura come una vera e propria fortezza, è costituito da un complesso di edifici, quali biblioteca, museo, chiesa, sacrestia, mulino e celle. Su tutto domina l’antica torre di Hrelio nella quale è conservato, all'ultimo piano, un oratorio decorato con affreschi anonimi del XIV secolo. La cattedrale dedicata alla Dormizione della Madre di Dio - eretta nel 1833 sulle strutture della chiesa precedente – è ha tre navate ed è decorata all'esterno da vivaci dipinti a soggetto biblico e all'interno è completamente affrescata dai migliori pittori della scuola di Samokov, con altre scene bibliche, vari ritratti di santi e fedeli donatori e leggende apocrife della Madre di Dio; nell'abside domina l'icona della Vergine Odigitria risalente al XII secolo. L’icona alla Theotókos Ossenovitza (Tuttasanta Protettrice) è custodita in una cappella e ornata di pietre preziose e sulla sua storia si narra che fu offerta dall'imperatore bizantino Michele Comneno (XIII secolo) in ringraziamento delle guarigioni - sua e del grande dignitario Skilitza - ottenute da una reliquia di san Giovanni da Rila.

Attorno alla cattedrale si sviluppano gli edifici monastici, che chiudono il cortile con quattro ordini di archi bianchi e rossi, sui quali si affacciano trecento celle. Poiché Rila è stata sempre abitata, si è conservato un patrimonio inestimabile di opere d’arte e documenti: centinaia di icone dipinte da artisti di Samokov e Bansko, i primi libri di storia e geografia della Bulgaria, un mappamondo costruito in cartapesta nel 1836, lettere di Ivan il Terribile e degli zar Romanov.
Fuori del nucleo principale sono altre chiese, tra cui la più interessante è quella della Dormizione di San Giovanni di Rila, eretta nel XVIII secolo per contenere la tomba del santo (patrono della Bulgaria), accanto alla caverna in cui era vissuto.
Nel 1961 il monastero fu confiscato e trasformato in museo nazionale, restando comunque un centro di vita spirituale e un santuario mariano per tutta la Bulgaria. Completamente restaurato e proclamato nel 1983 dall’Unesco patrimonio dell’umanità, il monastero accoglie oggi un numeroso afflusso di pellegrini e turisti.
Il monastero della Santa Trinità di Etropole è stato un famoso centro letterario seguace della scuola del patriarca Eutimio e noto per la rilegatura artistica dei libri, l’illustrazione di manoscritti e la decorazione di icone, tra cui celebri sono quelle dipinte da Nedyalkodi Lovec alla fine del XVI secolo. La firma è un fatto senza precedenti in un’arte dove l’anonimato dell’artista era la regola e testimonia l’apertura verso il Rinascimento italiano.
I monasteri di Samokov, Trjavna, Bansko e Strandja sono stati sede di scuole nazionali d’arte dalla fine del XVIII secolo. Hristo Dimitrov (1791-1835) fondatore della scuola d’arte di Samokov (centro annidato tra le montagne di Rila), i suoi figli e i suoi discepoli, le famiglie Vitavov, Zahariev e Kopcov e molti altri di Trjavna, Toma Visanov, suo figlio Dimiter e il nipote Simeon Molerov di Bansko, Alexo, Nikola Konstantinove e suo figlio di Adrianopoli, Ivan Kostidi Visa... furono pittori che trasformarono, ognuno a proprio modo, le norme strettamente canoniche in un’arte vicina alla vita e alla realtà, in cui il severo colore dai toni rigidi fu sostituito da sfumature vivaci testimonianti la forte influenza barocca dell’Europa occidentale.
In particolare, Hristo Dimitrov (1791-1835), fondatore della scuola d’arte di Samokov ed educato al monastero di Rila, studiò pittura a Vienna e subì l’influenza del tardo Classicismo italiano e in modo speciale dalla scuola di Guido Reni, ma seppe fondere i nuovi modi con i rigidi canoni dell’antica pittura provenienti dal Monte Athos.
La scuola d’arte di Trjavna fiorì nella ricca città bulgara situata vicino a Tarnovo e al centro industriale di Gabrovo. Le pitture giunte fino a noi risalgono al XVIII secolo e si avvicinano allo stile della scuola di Prisovo conosciute fin dal XVII secolo per la forte interpretazione decorativa e la carica emotiva. A un pittore di Trjavna, Georg Dancov, si deve il ciclo di pitture sulla vita dei diffusori della cultura slava Santi Cirillo e Metodio e di San Giovanni di Rila nella chiesa di San Petka nel monastero di Arapovo
Alla scuola d’arte di Strandja fanno capo le pitture di numerosi artisti di Adrianopoli, Visa, Sozopol. Caratteristica propria è stata (XVIII secolo) la ricerca di una rappresentazione spaziale simile a quella del Quattrocento italiano, con scene a più piani e soluzioni compositive complesse.
La scuola d’arte di Banskoè stata fondata daToma Visanov, che studiò a Vienna alla fine del XVIII secolo. Viöanov fu il primo artista che dipinse interamente in modo occidentale, sull’esempio della ritrattistica barocca e rococò francese e del naturalismo tedesco, e impose questo stile nella sua scuola.
Il monastero di Backovo, secondo solo al monastero di Rila, sia per grandezza che per importanza architettonica, è situato a 170 km da Sofia e a 29 km a sud di Plovdiv, in un magnifico quadro naturale, nella valle della Cepelarska Reka. Venne fondato nel 1083 dal georgiano Grigorii Bakuriani, distrutto durante il dominio turco e ristrutturato alla fine del XVI secolo. Si presenta nella consueta forma di fortezza quadrilatera, con cortile pavimentato a grandi lastre e chiesa centrale.
Ad Arbanasi (città-museo protetta che si trova su di un altopiano prospiciente le colline di Zaravez e Trapezitsa) è il monastero di san Nicola che fu distrutto nel 1393 e ricostruito nel 1680 e ha di particolare interesse i dipinti murali della cappella di sant’Elia. Ma la città offre al visitatore anche palazzi e case risalenti al Medioevo e al Rinascimento, cosa piuttosto insolita per questa regione, che dietro facciate severe nasconde decorazioni di rara bellezza.
La Bulgaria ha altri bellissimi monasteri da visitare: quelli di Cipka (costruito nello stile delle chiese russe del XVII secolo), di Drjanovo, di Rozen (a 6 km da Melnik), il monastero rupestre di Aladza (a 14 km da Varna)... tutti situati in suggestive cornici paesaggistiche che meritano davvero un viaggio.

 

si ringrazia il sito http://www.larici.it/itinerari/eurasia/bulgaria/
che ha pubblicato questo articolo dandoci autorizzazione a riportarne il contenuto in questa pagina

 

 

 


=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=